Nanocoating impianti fotovoltaici e riflessione

Articolo completo disponibile presso Milk the Sun. 

Aumentare il rendimento del proprio impianto significa aumentare in primo luogo i propri guadagni. Non solo, è possibile risparmiare sulla pulizia dei pannelli fotovoltaici, sui costi di O&M e ridurre il rischio di avarie ai pannelli. Quanto è possibile guadagnare con tecnologie di nanocoating e riflessione? Lo abbiamo chiesto all’Ing.Maurizio Manenti, Product Manager – New Technologies ad Alectris. 

Gentile Sig. Manenti, cosa significa aumentare l’efficienza di un impianto fotovoltaico già in funzione?

Per gli investitori un maggiore rendimento significa aumentare l’IRR del capitale investito rispetto alle previsioni iniziali e una riduzione del periodo di pay-back. Per banche e istituti di credito, vuol dire una maggiore garanzia di restituzione del debito, aumentando l’affidabilità della posizione debitoria e riducendo il pay-back. Per la rete elettrica significa un avvicinamento verso la grid parity delle rinnovabili.

In generale, considerando la potenza fotovoltaica installata, un aumento della produzione di sistemi fotovoltaici del 5% – 10% significa aumentare il rendimento senza costruire nuovi impianti per un valore proporzionale all’aumento (180-370 GW nel 2040 di ulteriore potenza PV!).

Quali sono le nuove tecnologie in fase di studio?

nanocoating impianto fotovoltaicoAl momento ci sono soluzioni che aumentano l’irraggiamento sulla superficie del modulo sfruttando l’albedo (riflessione del terreno) e le riflessioni. Altre migliorano le proprietà anti-riflettenti del vetro del modulo, oppure consentono il miglioramento delle prestazioni ottimizzando i servizi di O&M, come la pulizia dei moduli, la stabilizzazione del suolo, ecc. E’ importante sottolineare che per valutare i benefici di rendimento è fondamentale un’analisi ad hoc del proprio impianto fotovoltaico, considerando variabili specifiche quali il costo locale dell’energia, i meccanismi di incentivazione, l’irradiazione, la tipologia dei pannelli, le caratteristiche ambientali e tecniche di un impianto.

Quali soluzioni consigliate per aumentare il rendimento del proprio impianto fotovoltaico?

Risultati nanocoating impianti fotovoltaici

Risultati nanocoating impianti fotovoltaici

Consigliamo l’applicazione di un rivestimento nanocoating anti-riflettente che porta all’aumento della produzione di energia del proprio impianto di oltre il 3%. La robustezza e la durata nel tempo del nanocoating sono stati verificati con diversi stress test (p.e. Wet & Dry Abrasion, Accelerated Wash e H&S Analysis) e con prove di durata, per esempio il test di temperatura e umidità e gelo-disgelo.

Di seguito alcuni degli attuali test e risultati ottenuti con un rivestimento:

  • 100 kW-Salonicco, Grecia, Maggio 2015: aumento di produzione del 3,5% come si evince dalla figura 1 e figura 2
  • 100kW – Jinan, in Cina, agosto 2015: aumento della produzione del 3,6%
  • 2 MW – Foggia, Italia, Agosto 2015, in corso: aumento del 3,3%
  • 8 MW – Sud Italia settembre 2016, in corso: aumento di produzione atteso 4,54%
Articolo completo disponibile presso Milk the Sun.